ceneri nella sua “Ultima Festa”

Oltre quattro milioni di ascolti in streaming e il posizionamento nelle maggiori playlist editoriali di riferimento per ceneri.

ceneri 
‘Ultima Festa’

Il nuovo singolo in uscita venerdì 1 dicembre per Double Trouble Club / Island Records.

Con ben oltre quattro milioni di ascolti in streaming e il posizionamento nelle maggiori playlist editoriali di riferimento (Indie Italia, New Music Friday, Equal Italia), ceneri, seconda anima di Irene Ciol, torna con un nuovo brano in uscita venerdì 1 dicembreUltima Festa è il primo singolo firmato da Double Trouble Club, label e agenzia di management fondata da Jacopo Pesce e Max Brigante, in collaborazione con Island Records / Universal Music Italy. 

Con l’ep pubblicato a marzo, Nelle teste degli altri, seconda parte dell’ep d’esordio Nello spazio che resta, ceneri ha già dato prova di una sensibilità autentica e cristallina e una capacità fuori dal comune di creare immagini vivide e immediate con poche e semplici parole in grado di descrivere uno stato d’animo personale e al tempo stesso universale in cui è facile per tutti riconoscersi.

Composto e prodotto ancora una volta insieme ai B-CROMA, il duo formato dai producer Rocco Giovannoni e Marco Spaggiari (Marco Mengoni, Joan Thiele, Gaia), Ultima Festa è un brano dal ricercato e morbido sound electro pop, con un ritornello che non si dimentica facilmente, in cui ceneri vorrebbe trattenere un ultimo momento di spensieratezza che però sfugge sempre troppo presto “Vedo scomparire quello che rimane […] voglio un’ultima festa/cantare fino a scoppiare”.

Il singolo, in radio dall’1 dicembre 2023, è accompagnato dal video firmato da Davide Dilorenzo“un’allucinazione” come canta la stessa ceneri, il desiderio di un’ultima festa e la caducità di un momento che non può più tornare.

CENERI | BIO

Irene Ciol, in arte ceneri, è una cantautrice friulana classe 2000. Ha sempre studiato grafica, arte e lingue, ma con il passare del tempo si è avvicinata sempre di più al mondo musicale, una realtà che le ha permesso di trovare nel canto e nella scrittura un modo per dialogare, raccontarsi ed esprimersi.

Cresciuta ascoltando Bon Iver e Frank Ocean, e ispirandosi a cantautrici come Lorde Phoebe Bridgers, Irene non può che esprimersi con parole delicate ed intime, che colpiscono ancora di più se ascoltate al buio della propria camera e con le cuffiette. 

L’immaginario notturno è non a caso presente in ogni aspetto di questo progetto, il cui punto di forza è quello di creare un’atmosfera intima e sognante ma anche consapevole, in cui ci si scopre fragili: proprio quell’ambiente in cui Irene ha imparato a esprimersi senza filtri e a mostrarsi vulnerabile.

Notizie del giorno

Ti potrebbe interessare

Il “RENAISSANCE WORLD TOUR” prende il nome dall’ album pubblicato lo scorso anno “RENAISSANCE”, certificato ORO in Italia.